Gli IAA anche a Cavalli a Roma con la nostra tavola rotonda

Siamo tornati a Cavalli a Roma, con la nostra ormai tradizionale tavola rotonda dedicata agli Interventi Assistiti  con gli Animali: il cavallo, ovviamente, è stato il protagonista, sia per la sede dell’incontro sia per la sua peculiarità rispetto ai “pet” impiegati negli Interventi Assistiti.  Una specificità, quella equina, che si riverbera in tutta la filiera dell’erogazione IAA, dalle caratteristiche della struttura in cui il cavallo opera (spazi maggiori, accessi  in sicurezza…) ai bisogni formativi di chi lavorerà con lui.

E quest’anno  – quando mancano 40 giorni alla fine del periodo transitorio per il riconoscimento delle professionalità e realtà costruite in Italia negli ultimi 35 anni – abbiamo proprio voluto fare il punto sulla formazione e sulle competenze, sulle nuove sfide che partono il 26 marzo, il “day after”, quello che segna una tappa e il nuovo passo che prenderanno gli IAA.

Con noi, mentre Cavalli a Roma scaldava i motori, il Ministero della Salute, che nel 2015 ha delineato il quadro teorico e pratico degli IAA, fissandone le Linee Guida e che da allora ha sempre saputo ascoltare il terreno da cui gli IAA sono nati. Oggi, a motori spenti e con lo sguardo già alla prossima edizione, i dati presentati, i temi caldi e qualche riflessione.

Buoni i numeri: cinquemila gli attestati rilasciati dal Ministero della Salute a seguito di oltre tremila richieste di riconoscimento di formazione pregressa degli operatori, che hanno così visto riconosciuto il percorso costruito negli anni. Qualche dubbio da chiarire nel discernere tra le professionalità rivolte all’utenza  e quelle focalizzate sul cavallo e sul suo benessere.

La necessità, fortemente posta da ASI Formazione Sociosanitaria, di distinguere chiaramente e in modo inequivocabile l’ambito degli Interventi Assistiti con gli Animali (cioè Terapia, Educazione e Attività) da quello sportivo, amatoriale o agonistico che sia.

Lo sport  – hanno concordato i presenti – è un preziosissimo strumento di integrazione e inclusione,  ma non può e non deve sostituirsi alle proposte – soprattutto terapeutiche- negli IAA.

E’ questione di tutela per l’utenza, che in un contesto confuso potrebbe pensare di seguire una terapia – con il coinvolgimento di figure sociosanitarie – e trovarsi invece  a praticare uno sport: valido, ma un’altra cosa, con contenuti, benefici, costi diversi.

E’ questione,  restando ai  costi, di tutela anche per gli  operatori: chi pratica IAA ha costi superiori a quelli dello sport, ma se gli ambiti non sono distinti, come spiegare all’utenza le differenze economiche? E come reggere i costi di una struttura che opera negli IAA, in un mercato che la equipara ad altre realtà meno dispendiose e non dichiarate come “altro”?

Tra gli strumenti a disposizione,  ora in corso di potenziamento, c’è digitalpet.it, un archivio virtuale di operatori e strutture IAA riconosciute dal Ministero. Tra i suggerimenti venuti dal pubblico, attento ed esigente, quello di fare conoscere il sito ai potenziali utenti, sensibilizzando i medici di famiglia e pensando a una futura campagna di informazione a livello nazionale. E poi, magari, sollecitare le federazioni affinché, giustamente rivendicando la propria titolarità sullo sport, lascino quella non sportiva agli ambiti competenti.

Anche per quanto riguarda la formazione è bene distinguere  – come il  nostro ente fa da sempre – tecnici sportivi e operatori IAA, così da confermare a entrambe le figure pari specifica competenza e -una volta di più- tutelare l’utenza: con la preparazione di chi è in campo e con il riconoscimento a operare dato da titoli ad hoc e relative coperture assicurative.

Temi impegnativi, ampi e condivisi, campi di confronto e riflessione importanti e doverosi: permetteteci di chiudere con qualche citazione: “Sono gli IAA, bellezza… E’ un lavoro sporco ma qualcuno deve pur farlo… Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare”… Noi diciamo solo che siamo orgogliosi di essere qui.

Gli IAA anche a Cavalli a Roma con la nostra tavola rotonda
Tagged on: